La Suprema Corte ad agosto dice finalmente addio alle liquidazioni sotto i minimi, perché i parametri forensi battono la deregulation del Cresci Italia.

Finalmente con la sentenza n. 21487/18 dello scorso 31 agosto la Sezione Seconda della Suprema Corte di Cassazione ha sancito espressamente (per la prima volta) che il Giudice non può effettuare la liquidazione delle spese di lite al di sotto degli importi minimi previsti dai parametri.

La decisione è stata adottata   nell’ambito di un giudizio di equa riparazione.

Per leggere integralmente il testo della decisione clicca qui su: ordinanza Cassazione sui minimi

Per un primo approfondimento clicca qui su: 

L’AVVOCATURA ROMANA SCEGLIE LA NOSTRA “LISTA GALLETTI PER IL CONGRESSO” PER RINNOVARE LA POLITICA FORENSE ROMANA

Si sono chiuse giovedì 21 giugno le votazioni per l’elezione dei delegati romani al XXXIV Congresso Nazionale Forense di Catania.

L’Avvocatura romana ha scelto il rinnovamento votando la nostra “lista Galletti per il Congresso” in modo compatto ed univoco: sono stati eletti ben 37 su 38 candidati ed Antonino Galletti è stato il più votato.

Una grande vittoria dell’avvocatura romana che premia la serietà, l’impegno, la dedizione e la passione di una famiglia di candidati che si è dedicata soltanto ai programmi per il bene comune, evitando ogni polemica e dando concreta attuazione alle previsione della nostra legge professionale secondo la qualela propaganda elettorale e’ svolta nel rispetto delle norme deontologiche…consiste unicamente nell’espressione di programmi e di intendimenti e non e’ svolta in modo da ledere il prestigio della categoria o di altri candidati (art. 7 L. 113/2017).

Adesso avanti tutta per rinnovare la Cassa forense a settembre ed il Consiglio a gennaio!