Bando di Cassa forense n. 13 del 2019. Premio in denaro per gli iscritti che abbiano conseguito l’abilitazione alla professione forense nel 2018.

Azione Legale segnala che scade domani il bando di Cassa forense dedicato ai giovani avvocati che abbiano conseguito il titolo professionale nell’anno 2018. Il bando n.13 del 2019, consente infatti di ricevere una somma in denaro per il conseguimento del titolo di avvocato, assegnata in base ai requisiti riportati all’interno del bando.

Art.1 – Oggetto Cassa Forense, ai sensi dell’art. 14, lett. b1) del Regolamento per l’erogazione dell’assistenza e come da delibera adottata dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 6 giugno 2019, indice per l’anno 2019 un bando per l’assegnazione di premi, fino allo stanziamento di € 156.000,00 in favore di iscritti che abbiano conseguito l’abilitazione nella sessione di esami per l’iscrizione all’Albo degli avvocati indetta nell’anno 2018 (D.M. 6 settembre 2018, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – 4^ serie speciale – concorsi ed esami – n. 72 dell’11 settembre 2018) con la più alta votazione.

Art. 2 – Destinatari Sono destinatari del bando gli avvocati che, alla data di presentazione della domanda, siano iscritti alla Cassa, o iscritti all’Albo con procedimento di iscrizione alla Cassa in corso, e non siano sospesi dall’Albo ai sensi dell’20 della L. n° 247/12; devono, inoltre, essere in possesso dei requisiti di cui al successivo art. 4 lettere b) e c) e, alla data di pubblicazione del bando, non devono aver superato il 35° anno di età.

Art. 3 – Importo Il premio, erogato in unica soluzione, è pari ad € 3.000,00 per il primo classificato, € 2.000,00 per il secondo classificato ed € 1.000,00 per il terzo classificato. I premi saranno distribuiti secondo i seguenti criteri: 1) uno per ciascun distretto di Corte d’Appello; 2) su base nazionale per gli eventuali premi non assegnati col criterio sub 1)

Art. 4 – Requisiti per la partecipazione Per la partecipazione e l’ammissione in graduatoria di cui al successivo art. 6 sono richiesti i seguenti requisiti: a) non aver superato il 35° anno di età alla data di pubblicazione del bando; b) aver conseguito l’abilitazione nella sessione di esami per l’iscrizione all’Albo degli avvocati indetta nell’anno 2018 (D.M. 6 settembre 2018, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – 4^ serie speciale – concorsi ed esami – n. 72 dell’11 settembre 2018); c) non beneficiare o non aver beneficiato di altre borse di studio, assegni, premi o sussidi da chiunque erogati per aver conseguito l’abilitazione nella sessione di esami per l’iscrizione all’Albo degli avvocati indetta nell’anno 2018 (D.M. 6 settembre 2018); d) inviare il modulo di domanda corredato della documentazione richiesta all’art. 5 del bando.

Art. 5 – Modalità e termini della domanda La domanda per l’assegnazione del premio, sottoscritta dal richiedente, deve essere inviata entro le ore 24:00 del 30 aprile 2020 esclusivamente a mezzo PEC dedicata (bandi@cert.cassaforense.it). Per la presentazione della domanda deve essere utilizzato il modulo pubblicato sul sito internet www.cassaforense.it. Al modulo, debitamente compilato, deve essere allegata la seguente documentazione: a) certificato della Commissione esaminatrice/Corte d’appello attestante il superamento dell’esame e la votazione riportata (sia per l’esame scritto che per l’esame orale, ovvero votazione complessiva); b) certificato attestante l’iscrizione all’Albo degli Avvocati; c) autocertificazione attestante i requisiti di cui al precedente art. 4 lett. c; d) fotocopia del documento d’identità. Le domande prive di sottoscrizione o carenti degli elementi essenziali che non consentano l’individuazione dell’istante o l’oggetto della richiesta si considerano come non presentate. In caso di mancanza, incompletezza o irregolarità degli elementi formali della domanda e delle dichiarazioni rese, anche da terzi, il richiedente dovrà produrre le dichiarazioni, integrazioni o regolarizzazioni indicate da Cassa Forense nel termine perentorio di 15 giorni dalla relativa comunicazione, a pena di esclusione.

Art. 6 – Graduatoria Il premio è erogato secondo una graduatoria formata, per ciascun Distretto, in base alla votazione più alta ottenuta e, in caso di parità, in base alla minore età anagrafica del richiedente; in caso di ulteriore parità, in base alla priorità cronologica di presentazione della domanda. Nell’eventualità non vengano assegnati premi in tutti i Distretti, quelli residui verranno assegnati in base a una graduatoria nazionale unica, formata con i criteri di cui al primo comma del presente articolo. Con la presentazione della domanda si autorizza Cassa Forense a pubblicare sul sito internet la graduatoria senza indicazione del nominativo ma con codice meccanografico/numero di protocollo domanda, votazione conseguita e data di nascita del richiedente. Con la presentazione della domanda si autorizza, inoltre, Cassa Forense ad effettuare idonei controlli, anche a campione, sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive ed autocertificazioni prodotte dal richiedente.

Avv. Federico Bocchini e Avv. Francesco Giglioni

Antonino Galletti

Antonino GALLETTI, Avvocato Cassazionista del libero Foro di Roma, è nato a Roma il 23 novembre 1970. E’ sposato e padre di due figli. E' Presidente dell'Ordine degli Avvocati di Roma dal gennaio 2019. E' stato Consigliere dell'Ordine dal gennaio 2012 e Consigliere Tesoriere dal dicembre 2013. E' stato anche componente dell'assemblea dell'OUA e dell'OCF. E' stato componente del Consiglio giudiziario del Distretto di Roma. E' titolare dello Studio Legale Galletti www.gallettilaw.com Dopo il conseguimento della maturità classica presso il liceo ginnasio statale Giulio Cesare di Roma, si è laureato nel 1993, all’età di 22 anni, in Giurisprudenza con lode presso l’Università La Sapienza di Roma (tesi in diritto costituzionale). Nel 1995 ha vinto la borsa di studio presso l’Istituto Regionale “A.C. Jemolo” di Roma per la frequenza al corso annuale di formazione specialistica per la professione forense e presso lo stesso prestigioso Istituto ha frequentato il corso di perfezionamento in diritto tributario e diritto comunitario svoltosi nel medesimo anno. Superato a Roma l’esame di abilitazione professionale nel 1996, è iscritto all’Albo degli Avvocati di Roma dal gennaio 1997; da sempre è studioso del diritto amministrativo e del diritto civile. E’ stato docente a contratto per enti di ricerca quali, tra gli altri, il FORMEZ. Ha svolto nel 2008 attività di formazione specialistica, su incarico dell’ANCI. E’ stato docente a contratto di diritto europeo di polizia dall’anno accademico 2006/2007 e 2008/2009 presso la facoltà di Giurisprudenza dell’’Università “G. Marconi” di Roma. E’ presidente e fondatore dell’associazione culturale AZIONE LEGALE con la quale, tra l'altro, organizza a beneficio dei colleghi del Foro di Roma svariati seminari gratuiti di formazione e aggiornamento professionale, con l’attribuzione di crediti formativi per gli avvocati, riconosciuti dall’Ordine degli Avvocati di Roma (e nel 2008 con il patrocinio del Comune di Roma). E' anche presidente e cofondatore dell’associazione di promozione sociale DEMOCRAZIA NELLE REGOLE, anch’essa attiva nella formazione e nella divulgazione nelle scuole dei valori e dei principi costituzionali. E' stato stato consulente del Dipartimento della Funzione Pubblica nel progetto di supporto alla stessa “per il monitoraggio, la sistematizzazione e la valorizzazione di proposte e richieste delle pubbliche amministrazioni finalizzato alla valorizzazione risorse umane e omogeneizzazione standard delle performance”. E' autore di svariate pubblicazioni scientifiche sul pubblico impiego, in materia edilizia ed urbanistica, enti locali e diritto costituzionale, diritto forense (deontologia, previdenza e ordinamento professionale). E' stato presidente del Comitato tecnico scientifico dell’associazione “Cantiere Europa” formata dal Comune di Roma e dalle Università degli studi “La sapienza”, Tor Vergata e Roma Tre di Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto