IL DISTRETTO DI ROMA ELEGGE I COMPONENTI DELL’OCF (CHE HA SOSTITUITO L’OUA DOPO IL CONGRESSO NAZIONALE FORENSE DI RIMINI)

Venerdì 4 novembre presso l’aula Avvocati dell’Ordine distrettuale di Roma, si sono tenute le elezioni dei componenti dell’organismo congressuale forense (OCF) del Distretto di Roma.

Si tratta, come è certamente noto, dal “nuovo” organismo di rappresentanza politica dell’Avvocatura italiana che, a seguito del Congresso Nazionale Forense di Rimini  del 6-8 ottobre, ha sostituito l’Organismo Unitario dell’Avvocatura – OUA (per leggere la mozione congressuale approvata, clicca qui su MOZIONE CONGRESSUALE SU OCF).

Hanno potuto votare i colleghi già eletti quali delegati al Congresso Nazionale Forense per il Distretto di Roma.

Ecco “i numeri” della votazione:

Aventi diritto al voto 122.

Votanti 114.

Candidati 19

Eletti:
Galletti 50
Di Tosto 48
Mazzoni 48
Vaglio 46
Simi 35
Malinconico 34
Mastrandrea 34

Non eletti:
Gentile 31
Conti 28
Lombardi 28
Recchia 28
Suraci 27
Maldari 6

E’ doveroso ringraziare nuovamente gli iscritti che hanno votati i nostri delegati e poi questi ultimi che ci hanno onorato della fiducia per fare parte del nuovo consesso che tenterà di “rilanciare” la politica forense nostrana a partire dall’attuazione delle mozioni congressuali di Rimini; il compito è delicato e complicato, ma – come al solito – l’impegno sarà massimo per il bene comune dell’avvocatura.

INVITO SEMINARIO GRATUITO DI DIRITTO PENALE SU: “LE INVALIDITA’ NEL PROCESSO PENALE: L’EFFETTIVO PREGIUDIZIO”.

 

Il seminario si terrà dalle 14 alle 16 presso il circolo dell’aeronautica al Lungotevere Salvo d’Acquisto n. 21 il prossimo martedì 8 novembre c.a.

Saranno nostri relatori:
il Consigliere Dott. Alberto MACCHIA (Consigliere presso la Corte Suprema di Cassazione, Assistente di studio presso la Corte Costituzionale),
la Prof.ssa Roberta APRATI (Associato di Procedura Penale presso l’Università Unitelma di Roma).

Saranno attribuiti due crediti formativi ordinari.
Non occorre prenotarsi, ma essere puntuali in sala.

A RIMINI IL CONGRESSO CONGEDA L’OUA E LANCIA L’OCF

All’esito del XXXIII Congresso Nazionale Forense di Rimini che è stato celebrato lo scorso 6-8 ottobre, è stata approvata dai delegati a larghissima maggioranza (929 aventi diritto al voto, 591 favorevoli, 204 contrari, 134 non votanti) la mozione statutaria fortemente sostenuta dal COA romano con la quale è stata ridisegnata la rappresentanza politica dell’avvocatura italiana (per saperne di più e leggere il testo integrale della mozione clicca qui su Mozione-2).

Tra le principali novità: una sensibile riduzione del numero dei delegati ai prossimi congressi (1 ogni 500) e dei componenti dell’assemblea del nuovo organismo di rappresentanza (1 ogni 5.000 iscritti) , la riacquista centralità del congresso quale luogo della rappresentanza politica in senso conforme alla disciplina dettata dall’art. 39 della legge di riforma professionale (clicca qui per leggere la L. 247/2012) e la sostituzione dell’OUA (organismo unitario dell’avvocatura italiana) con il “nuovo” OCF (organismo congressuale forense). Sono finalmente cambiate anche le modalità di finanziamento del nuovo organismo che passano attraverso una contribuzione diretta del CNF (e non più dei vari Ordini circondariali).

Pure avendo avuto l’orgoglio e il privilegio di partecipare all’assemblea dell’OUA nel biennio 2011-2012 (prima dell’elezione al COA di Roma), auguro al nuovo organismo ogni successo per rappresentarci al meglio in un momento di crisi e cambiamenti della Giustizia nostrana che si inseriscono nella perdurante crisi economica che ha ovvie ricadute anche sulla nostra amata professione.