Mese: Marzo 2018

Email0Facebook0Twitter0Linkedin0X Offese in atti giudiziari: implicito l’“animus iniuriandi”. Violano l’art. 52 ncdf (giò art. 20 codice previgente) le espressioni usate dal professionista che rivestano un carattere obiettivamente sconveniente ed offensivo e che si situino ben al di là del normale…

Torna in alto